Pubblicato in: oracolo

La porta da aprire è quella del Cuore di Maria SS.

Uno degli slogan più usati dai cattoprogressisti è quello di “aprire le porte della Chiesa per far entrare tutti”. Eppure sono i primi a chiudere l’unica vera porta che conduce a Dio: la Beata Sempre Vergine Maria.

Maria Santissima, l’umile donna di Nazaret, è una creatura sì, ma non una creatura come tutte le altre, nonostante qualcuno abbia sostenuto qualcosa del genere. Ella è la creatura perfetta, l’unica che Dio abbiamo voluto esclusivamente per Sé stesso. Nel capitolo n. 40 del libro del profeta Ezechiele, dove si parla della visione del nuovo Tempio, si dice che solo il Re può attraversare la “porta guarda ad Oriente”. I Padri della Chiesa hanno spiegato che il nuovo Tempio non può che essere la Chiesa e quella porta è la Beata Sempre Vergine Maria, per questo può essere attraversata solo dal Re, cioè la Santissima Trinità.

La Madonna è perciò al contempo Madre di Dio e Madre della Chiesa. Ella è colei che ci conduce al Dio vivente, in particolare intercedendo per la Santa Chiesa. Per salvaguardare e proteggere il Depositum Fidei sono sempre stati fondamentali i dogmi mariani, essendo essi di orientamento cristologico. Si può incontrare il Cristo senza la sua Madre, ma non possiamo veramente conoscerlo – e amarlo – senza conoscere – e amare – la sua Madre.

Lungo i secoli la Vergine Santissima non ha mai mancato di intercedere per la Chiesa, soprattutto nei momenti più difficili, in modo particolare con le sue apparizioni e i suoi messaggi, diventati sempre più frequenti negli ultimi 200 anni.

Tra l’altro Ella ci ha dato un’arma potentissima contro il Maligno, ovvero il Santo Rosario, preghiera prediletta di tutti i santi, anche di quelli contemporanei: Suor Faustina Kowalska, Padre Pio da Pietrelcina, Madre Teresa di Calcutta, mons. Josemaria Escrivá de Balaguer, ecc. I veri santi – quelli di una volta – muoiono con la santa corona fra le mani, rifiutano il minimalismo mariologico e non restano sordi ai messaggi mariani, a differenza di coloro a cui piace la “Madonna che tace”.

Ma la Madonna non può tacere, non può non avvisarci che ci stiamo dirigendo – per nostra stessa scelta – verso il baratro infernale. Questi sono i tempi più cupi delle storia dell’umanità, peggiori persino da quelli del diluvio. Ma la nostra Madre del Cielo non demorde: non ha intenzione di abbandonare i suoi figli a se stessi, così ci richiama insistentemente al pentimento e alla conversione. Ella è l’ultima ancora di salvezza che Dio ci ha dato per questi e per tutti i tempi. Lo provano, tra l’altro, alcuni avvenimenti che si sono verificati nell’ultimo anno a Pompei.

Foto della terza oscillazione inspiegabile della corona della Statua.

Per ben tre volte è oscillata – in modo inspiegabile – la corona del S. Rosario della statua della Madonna del santuario di Pompei.

La prima volta accadde il 13 aprile, la seconda il 28 giugno (che vi raccontammo qui) e la terza il 24 ottobre (qui).

Qualche giorno dopo la terza oscillazione, si è spalancata la Porta Santa del Santuario, bloccata da anni. La notizia è stata riportata il 29 ottobre anche dall’agenzia Ansa.

Foto della porta spalancata del Santuario di Pompei.

Il giorno seguente il sito Amalfi Notizie ha riportato più dettagliatamente l’accaduto: «La Porta Santa della Basilica si è improvvisamente spalancata da sola, molto probabilmente per il forte vento che ieri (29 ottobre, ndr) ha sferzato su tutta la Campania. Fin qui non c’è nulla di strano tranne che per il fatto che, da anni, nessuno era riuscito più ad aprire i pesante portone e né a sbloccarne la serratura. Proprio per questo motivo molti fedeli ieri hanno gridato nuovamente al miracolo per l’avvenimento straordinario. Con questo episodio salgono a quattro gli eventi prodigiosi per il fedeli della Madonna de Rosario di Pompei. Dallo scorso aprile ad oggi, infatti, per ben tre volte il tirante che sosteneva il Rosario tra le mani della Vergine posta sulla Basilica si è staccato, cosa mai avvenuta in memoria d’uomo. Per tutte e tre le volte sono dovuti intervenire i vigili del fuoco per sistemare il tirante ed evitare danni e pericoli».

Coincidenze? Casualità? Noi non lo pensiamo affatto. Già diverse volte vi abbiamo fatto notare che certi eventi (naturali e soprannaturali) molto spesso si verificano proprio in momenti particolari per la Chiesa e per l’umanità (per es. qui e qui).

È nostra convinzione che la SS. Vergine di Pompei, Regina del S. Rosario, voglia rammentarci ancora una volta, con questi segni, che la sua santa corona è davvero l’arma più potente contro il Male e che la sola vera Porta attraverso la quale troveremo rifugio e salvezza è Ella stessa. Accogliamo questi suoi appelli urgenti. Dio lo vuole. Prima che sia troppo tardi.


 

A dare risalto a queste nostre riflessioni, ci viene incontro il Venerabile Pio XII il quale, il 1° novembre del 1954,  nell’incoronare la Salus Populi Romani, affermò ufficialmente che – in questi tempi martoriati – Dio ha decretato “IL REGNO DI MARIA” 😇 , Maria Regina è scesa in campo per combattere insieme ai figli redenti dal Figlio Divino: “in un’ora, in cui nessuno può permettersi un istante di riposo, quando in tante regioni la giusta libertà è oppressa, la verità offuscata dal lavorio di una propaganda mendace, e le forze del male sembrano quasi scatenate sulla terra!
cliccare qui per il testo integrale e la Preghiera di Pio XII.

Annunci