Pubblicato in: oracolo

Fatima, le linee del tempo

Vi proponiamo una cronologia più o meno approfondita della «più profetica delle apparizioni mariane» (Benedetto XVI).

Antefatti

1454

16 ottobre: Suor Filippina de’ Storgi (monaca domenicana e mistica, cugina della Beata Margherita di Savoia) poco prima di morire, ebbe una visione di «avvenimenti prosperi e funesti per la Casa di Savoia, fino ad un tempo futuro imprecisato di terribili guerre, di esilio in Portogallo di un altro Umberto di Savoia e di un mostro proveniente dall’Oriente con grande sofferenza per l’Umanità, mostro che sarà però distrutto da Nostra Signora del Santo Rosario di Fatima se tutti gli esseri umani la invocheranno con grande contrizione». La profezia riferita dalla morente Suor Filippina terminava con queste parole: «Satana provocherà una terribile guerra ma alla fine la perderà perché la Vergine Santissima Madre di Dio e del santissimo Rosario di Fatima, più forte di un esercito in ordine di battaglia, lo vincerà per sempre» (cliccare qui).

1517

31 ottobre: comincia la rivoluzione protestante con l’affissione delle 95 tesi del monaco agostiniano tedesco Martin Lutero.

1717:

24 giugno: con la fondazione, a Londra, del Grand’Oriente d’Inghilterra nasce ufficiale la massoneria moderna che s’impadronirà di tutte le nazioni d’Europa (cliccare qui).

1789

14 giugno: esattamente cento anni dopo la richiesta, ignorata dal re Luigi XIV, di consacrare la Francia e la casa reale al Sacro Cuore di Gesù, il terzo stato espropria il re Luigi XVI del suo potere sovrano.

1817

24 giugno: inizio del “risorgimento” italiano promosso dalla Massoneria. Il primo moto carbonaro venne tentato a Macerata, nello Stato pontificio, nella notte tra il 24 e il 25 giugno 1817, ma la polizia papalina, informata dei preparativi, soffocò l’azione sul nascere. Tredici congiurati furono condannati a morte e poi graziati da papa Pio VII.

1846

19 settembre: La Salette (Francia), la Vergine appare ai due bambini Massimino Giraud e Melania Calvat; il Messaggio riguarda prettamente il calvario della Chiesa e la sua futura apostasia, 71 anni prima dalle apparizioni dell’Angelo a Fatima (cliccare qui e qui). E’ probabile che la profezia di un Papa ferito a morte, riguardi più La Salette che non Fatima, in cui il “Vescovo vestito di bianco, muore”….

1860

20 settembre: presa di Roma o breccia di Porta Pia (annessione dello Stato Pontificio al Regno di Sardegna (poi Regno d’Italia).

1861

17 marzo: proclamazione del Regno d’Italia.

1884

13 ottobre: 33 anni prima l’ultima apparizione di Fatima e del “miracolo del sole”, papa Leone XIII, a seguito di una visione in cui scorge il pericolo imminente dell’apostasia nella Chiesa, compone la famosa Preghiera a San Michele Arcangelo, in forma di esorcismo (cliccare qui, qui e qui).

1914

28 luglio: inizio della Prima Guerra Mondiale.

20 agosto: morte di San Pio X.

3 settembre: elezione di papa Benedetto XV.

I fatti

1916

L’Angelo della Pace o del Portogallo appare ai tre piccoli pastorelli: Lucia Dos Santo, Francesco e Giacinta Marto.

1917

23 febbraio: inizio della rivoluzione russa.

5 maggio: Benedetto XV supplica la Regina del Cielo di portare la pace sulla terra.

***

Immaginetta della prima apparizione

13 maggio: Fatima: prima apparizione della Beata Vergine Maria ai tre piccoli veggenti; Città del Vaticano: papa Benedetto XV consacra vescovo mons. Eugenio Pacelli, futuro Pio XII.

13 giugno: seconda apparizione.

13 luglio: terza apparizioni e rilascio del segreto.

19 agosto: quarta apparizioni.

13 settembre: quinta apparizione.

13 ottobre: sesta apparizione e miracolo del sole.

Qui la cronistoria completa delle apparizioni.

***

25 ottobre: i bolscevichi di Vladimir Lenin prendono il potere in Russia.

1918

11 novembre: fine della Prima Guerra Mondiale.

1919

4 aprile: morte del veggente Francisco Marto (beatificato nel 2000 e canonizzato nel 2017).

1920

20 febbraio: morte della veggente Giacinta Marto (beatificata nel 2000 e canonizzata nel 2017).

1921

17 giugno: Lucia Dos Santos arriva al convento di Oporto e diventa suora dorotea.

1922

22 gennaio: morte di Benedetto XV.

6 febbraio: elezione di papa Pio XI. L’unico Pontefice in cui una Apparizione mariana aveva predetto il nome durante il regno del predecessore.

3 maggio: il vescovo di Leira, nella cui diocesi cade Fatima, apre ufficialmente il processo canonico per il riconoscimento delle apparizioni.

1925

25 ottobre: suor Lucia viene trasferita in Spagna, nel convento di Tuy.

1926

15 febbraio: suor Lucia ha una visione di N.S. Gesù Cristo in cui le viene comunicato la Volontà di Dio di diffondere in tutta la Chiesa la devozione al Cuore Immacolato di Maria e la pratica dei primi cinque sabati del mese in riparazione ai peccati contro la Beata Vergine Maria.

1929

14 aprile: si conclude il processo canonico riguardo la veridicità delle apparizioni.

13 giugno: Nostra Signora appare a Tuy a suor Lucia e chiede che venga consacrata la Russia al suo Cuore Immacolato. Tramite il suo confessore, la veggente comunica al romano pontefice il volere del Cielo. Pio XI viene informato, ma decide di non esaudire la richiesta della Madonna.

1930

13 ottobre: il vescovo di Leiria firma il decreto di riconoscimento delle apparizioni di Fatima.

1931

Agosto: in una locuzione interiore N.S. Gesù Cristo dice a suor Lucia che i suoi ministri, non avendo voluto fare la consacrazione della Russia, seguiranno i sovrani francesi nella sventura.

1935:

Dicembre: Suor Lucia, per ordine del vescovo, scrive la vita della cuginetta Giacinta. Il manoscritto è conosciuto come Prima Memoria.

1937

21 novembre: Suor Lucia, ancora per ordine del vescovo, scrive la sua vita e il resoconto dettagliato delle apparizioni, comprese quelle dell’Angelo della Pace, ma non rivela il segreto. Il manoscritto è denominato Seconda Memoria.

1938

25 gennaio: una straordinaria aurora boreale illumina l’Europa durante la notte tra il 25 e il 26 del mese; suor Lucia identifica in essa la “luce sconosciuta” predetta dalla Madonna nella seconda parte del segreto (cliccare qui).

12 marzo: le truppe naziste invadono l’Austria, comincia la Seconda Guerra Mondiale.

1939

10 febbraio: morte di Pio XI.

2 marzo: elezione di papa Pio XII.

1941

31 agosto: per ordine del vescovo e con l’autorizzazione del Cielo, suor Lucia rivela la prima e la seconda parte del segreto. Il manoscritto è conosciuto come Terza Memoria.

8 dicembre: il vescovo ordina a suor Lucia di scrivere anche la terza parte del segreto; la veggente, però, non avendo l’autorizzazione del Cielo, aggiunge solo due frasi. La prima: «In Portogallo si conserverà sempre il dogma della fede… etc»; la seconda: «Questo non ditelo a nessuno. A Francesco sì, glielo potete dire». Il manoscritto è stato denominato Quarta Memoria.

1942

31 ottobre: Pio XII consacra il mondo al Cuore Immacolato di Maria.

8 dicembre: Pio XII ripete l’atto di consacrazione del mondo al Cuore Immacolato di Maria per ottenere presto fine della guerra.

1943

Ottobre: il vescovo ordina a Suor Lucia di mettere per iscritto la terza parte del segreto.

1944

2-3 gennaio: la Madonna dà il permesso a Suor Lucia di scrivere ciò che ha visto della terza parte del segreto con l’ordine che non venga reso noto prima del 1960.

4 gennaio: Lucia scrive la visione profetica della terza parte del segreto.

9 gennaio: la veggente sigilla la busta contenente la terza parte del segreto, scrivendo: «Per espresso ordine di Nostra Signora questa busta potrà essere aperta solo nel 1960 dal cardinale patriarca di Lisbona o dal vescovo di Leiria».

17 giugno: Suor Lucia consegna la busta sigillata al suo confessore, il quale la consegnerà il giorno stesso al vescovo di Leiria-Fatima.

Mons. da Silva mostra la busta col segreto

1949

3 gennaio: il vescovo di Leiria-Fatima, monsJosé Alves Correia da Silva, mostra ad un fotografo della rivista americana Life la busta sigillata.

1952

Maggio: la Vergine di Fatima dice a Suor Lucia di comunicare al Papa che sta ancora aspettando la consacrazione della Russia al suo Cuore Immacolato.

7 luglio: Pio XII consacra la Russia al Cuore Immacolato di Maria ma senza la partecipazione di tutti i vescovi del mondo.

2 settembre: Pio XII affida al padre Joseph Schweigl una missione segreta: interrogare Suor Lucia riguardo al Terzo Segreto. «Non posso rivelare niente di ciò che ho appreso a Fatima riguardo al Terzo Segreto, – fece sapere P. Schweigl dopo il colloquio con la veggente – ma posso affermare che esso consta di due parti: una riguarda il Papa; l’altra, logicamente (anche se non posso dirne niente) dovrebbe essere la continuazione delle parole: “In Portogallo si conserverà sempre il Dogma della Fede”».

1957

4 aprile: la Santa Sede ordina al vescovo di Leiria-Fatima di spedire la busta sigillata col Terzo Segreto al Sant’Uffizio.

16 aprile: la busta sigillata arriva al Sant’Uffizio. Secondo la versione ufficiale è sempre rimasta là fino al 1959-60. Eppure, qualche giorno prima, un fotografo della rivista Paris Match, mentre fotografava gli appartamenti papali, domandò che cosa ci fosse in una piccola cassaforte sulla scrivania del papa. «Il testo del Terzo Segreto di Fatima», rispose prontamente suor Pascalina, governante di Pio XII.

26 dicembre: il postulatore della causa di beatificazione di Francesco e Giacinta, padre Augustine Fuentes, si reca a Coimbra e ha un lungo colloquio con Suor Lucia. «La Santissima Vergine è molto triste perché nessuno ha prestato attenzione al Suo messaggio, né i buoni né i malvagi», gli confida la veggente. «Ciò che affligge il Cuore Immacolato di Maria e il Cuore di Gesù è la caduta delle anime dei religiosi e dei sacerdoti. Il diavolo sa che per ogni religioso o sacerdote che rinnega la sua santa vocazione, molte anime sono trascinate all’inferno. … Il diavolo brama di impossessarsi delle anime consacrate. Cerca in ogni modo di corromperle, per addormentare le anime».

1958

6 giugno: in una lettera di risposta a Pio XII, Suor Lucia conferma che è ferma volontà del Cielo che il Terzo Segreto non venga rivelato fino al 1960.

9 ottobre: morte di Pio XII.

28 ottobre: elezione di papa Giovanni XXIII.

1959

25 gennaio: Giovanni XXIII annuncia l’indizione del Concilio Ecumenico Vaticano II.

17 agosto: secondo il racconto di Loris Capovilla, segretario particolare di Giovanni XXIII, il papa legge il testo del Terzo Segreto di Fatima. «Non do nessuna interpretazione», è il commento del pontefice.

1960

Gennaio: secondo la versione ufficiale della Santa Sede, Giovanni XXIII ha letto in questi giorni il testo del Terzo Segreto.

8 febbraio: in un comunicato all’agenzia portoghese ANI, la Santa Sede comunica che non sarò reso pubblico il testo del Terzo Segreto di Fatima con la motivazione che non si comprende quali siano le parole della Vergine e quelle della veggente, Suor Lucia Dos Santos.

Febbraio: la Santa Sede restringe ancora di più la clausura di Suor Lucia: non le è più permesso avere contatti con l’esterno senza l’autorizzazione del Sant’Uffizio.

1962

13 agosto: viene stipulato un accordo di principio tra la Santa Sede e la Chiesa ortodossa russa a Metz, in Francia, in cui la Chiesa ortodossa russa ha accettato di inviare osservatori al Concilio Vaticano II e in cambio, il Vaticano avrebbe espressamente astenersi dal condannare il comunismo. Le trattative si svolsero tra il cardinale Eugène Tisserant e il metropolita Nikodim.

11 ottobre: nel discorso d’apertura del concilio ecumenico, Giovanni XXIII afferma di dissentire dai «profeti di sventura». Il mondo si domanda a chi riferisse; alla Curia Romana, invece, sanno bene il Pontefice ha criticato Suor Lucia Dos Santos, veggente di Fatima.

13 ottobre: nel giorno del 45° anniversario dell’ultima apparizione di Fatima e del “miracolo del sole”, avviene un colpo di mano al concilio ecumenico: la corrente neo-modernista rigetta i documenti della Curia Romana e il regolamento interno, qui la fonte.

1963

3 giugno: morte di Giovanni XXIII.

21 giugno: elezione di papa Paolo VI.

27 giugno: Paolo VI, secondo le testimonianze di Loris Capovilla e di Angelo Dell’Acqua, legge il testo del Terzo Segreto di Fatima.

1964

21 novembre: nell’ultimo giorno della terza sessione del concilio ecumenico, Paolo VI consacra rinnova la consacrazione del mondo al Cuore Immacolato di Maria.

1965

27 marzo: secondo la versione ufficiale della Santa Sede, Paolo VI legge il testo del Terzo Segreto di Fatima.

Paolo VI e Suor Lucia

1967

13 maggio: in occasione del 50° anniversario della prima apparizione, Paolo VI si reca in pellegrinaggio a Fatima. Suor Lucia, presente alle celebrazioni, chiede al Papa di potergli parlare in privato, ma questi rifiuta, dicendole di riferire al suo vescovo e di essergli sempre obbediente.

1977

11 luglio: il patriarca di Venezia, il cardinale Albino Luciani (futuro Giovanni Paolo I), si reca in pellegrinaggio a Fatima e a Coimbra per incontrare Suor Lucia: i due hanno un lungo colloquio privato.

1978

6 agosto: morte di Paolo VI.

26 agosto: elezione di papa Giovanni Paolo I.

28 settembre: morte di Giovanni Paolo I.

16 ottobre: elezione di papa Giovanni Paolo II.

Ottobre: secondo la testimonianza di Joaquin Navarro-Valls, portavoce della Sala Stampa del Vaticano dal 1984 al 2006, Giovanni Paolo II legge il testo del Terzo Segreto pochi giorni dopo l’elezione.

1981

13 maggio: attentato a Giovanni Paolo II.

Giovanni Paolo II in ospedale qualche giorno dopo l’attentato

7 giugno: Giovanni Paolo II, dal suo capezzale ospedaliero, rinnova la consacrazione del mondo al Cuore Immacolato di Maria

18 luglio: secondo la versione ufficiale della Santa Sede, Giovanni Paolo II legge il testo del Terzo Segreto.

1982

21 marzo: Suor Lucia conferma al nunzio apostolico in Portogallo, mons. Portalupi, che la Madonna sta ancora aspettando la consacrazione della Russia al suo Cuore Immacolato.

13 maggio: in occasione del primo anniversario dell’attentato e della prima apparizione di Fatima, Giovanni Paolo II vi si reca in pellegrinaggio e ha un lungo colloquio con Suor Lucia. Il Papa rinnova ancora una volta la consacrazione del mondo al Cuore Immacolato di Maria.

1983

19 marzo: Suor Lucia conferma ancora una volta al nunzio apostolico in Portogallo, mons. Portalupi, che la Madonna sta ancora aspettando la consacrazione della Russia al suo Cuore Immacolato.

1984

Giovanni Paolo II consacra «quei popoli» al Cuore Immacolato

25 marzo: Giovanni Paolo II in piazza San Pietro, in comunione con tutti i vescovi del mondo, consacra al Cuore Immacolato di Maria «specialmente quei popoli di cui Tu aspetti la nostra consacrazione». Non viene pronuncia la parola “Russia”.

13 maggio: nel giorno in cui ricorre il 67° anniversario della prima apparizione di Fatima, un incidente distrugge la base nucleare sovietica di Severomorsk, che dava all’URSS un vantaggio strategico in caso di guerra con gli USA. I sovietici sono così costrette a riporre nel cassetto l’intenzione di una guerra nucleare con gli americani.

10 settembre: il vescovo di Leiria-Fatima, mons. Alberto Cosme do Amaral, dopo aver parlato con Suor Lucia, afferma che il Terzo Segreto «non riguarda un olocausto nucleare», quanto piuttosto «la nostra fede»; poiché «la perdita della fede di un intero continente è peggiore dell’annientamento di una nazione».

1989

9 novembre: caduta del muro di Berlino.

1990:

3 ottobre: riunificazione della Germania.

1991

Giovanni Paolo II e Suor Lucia

13 maggio: in occasione del decimo anniversario dell’attentato e della prima apparizione di Fatima, Giovanni Paolo II vi si reca in pellegrinaggio e ha un lungo colloquio con Suor Lucia.

18-21 agosto: tentato colpo di stato in Unione Sovietica: è l’inizio della fine per l’ex “impero del male”.

8 dicembre: gli stati federali dell’Unione Sovietica confluiscono nella Comunità Stati Indipendenti.

25 dicembre: Mikhail Gorbaciov si dimette dalla presidenza dell’Unione Sovietica: viene ammainata la bandiera rossa dal Cremlino.

1995

In una lettera al prof. Baumgartner, il card. Mario Luigi Ciappi rivela: «Nel Terzo Segreto viene predetta, tra le altre cose, che la grande apostasia nella Chiesa inizierà dal suo vertice».

1996

13 ottobre: il cardinale Joseph Ratzinger (futuro Benedetto XVI) si reca in pellegrinaggio a Fatima e a Coimbra per incontrare Suor Lucia: i due hanno un lungo colloquio privato.

2000

13 maggio: Giovanni Paolo II beatifica, a Fatima, i due veggenti Francesco e Giacinta Marto. Al termine della celebrazione, il card. Angelo Sodano, Segretario di Stato, annuncia che il Terzo Segreto consiste nell’attentato al Papa del 1981.

26 giugno: la Santa Sede, nelle persone del cardinal Ratzinger, di mons. Bertone e del portavoce Navarro-Valls, rilasciano integralmente il testo della visione profetica del Terzo Segreto di Fatima. Molte – troppe – cose, però, non tornano (cliccare qui).

13 ottobre: davanti alla Statua pellegrina di Fatima, Giovanni Paolo II rinnova l’atto di affidamento del mondo alla Regina del Santo Rosario.

2005

13 febbraio: morte di Suor Lucia Dos Santos.

2 aprile: morte di Giovanni Paolo II.

19 aprile: elezione di papa Benedetto XVI.

2010

12-13 maggio: pellegrinaggio di Benedetto XVI a Fatima. Il Santo Padre dice che «s’illuderebbe chi pensasse che il messaggio profetico di Fatima sia concluso».

2013

11 febbraio: Benedetto XVI annuncia che rinuncia al munus petrino.

28 febbraio: diventa effettiva la rinuncia di Benedetto XVI.

13 marzo: elezione di papa Francesco.

2016

13 ottobre: Francesco riceve in udienza alcune comunità luterane; per l’occasione viene posta in Vaticano, nell’Aula Paolo VI, una statua dell’eresiarca Martin Lutero (cliccare qui).

2017

13 maggio: Francesco canonizza a Fatima i due veggenti Francesco e Giacinta Marto. È il 100° anniversario della prima apparizione di Fatima.

E la storia continua…

******

BIBLIOGRAFIA:

  • Fatima e la passione della Chiesa (Cristina Siccardi)
  • Il Segreto non svelato (Marco Tosatti)
  • Il quarto segreto di Fatima (Antonio Socci)
  • Il segreto ancora nascosto (Christopher Ferrara)
  • Un cammino sotto lo sguardo di Maria. Biografia di suor Lucia (AA.VV.)
  • Fatima, tutta la verità (Saverio Gaeta)
Annunci